Come impara un cieco a leggere e a scrivere?

lunedì, 4 febbraio, 2008 18:18

Era il 1829 quando il Censimento della popolazione di Francia classificò il giovane Louis Braille, allievo all’Istituto dei Giovani Ciechi di Parigi, come incapace di leggere o scrivere. All’epoca, l’insegnamento impartito nelle poche scuole per non vedenti era principalmente di natura orale. Esistevano alcuni testi prodotti con enormi lettere in rilievo, ma produrre interi libri in quel modo era impensabile e tecnicamente molto complicato.

Sempre nel 1829, il giovane Louis Braille mise a punto un metodo innovativo per consentire ai ciechi di leggere e scrivere. Il nuovo sistema, molto pratico e semplice da imparare venne impiegato a fasi alterne dai docenti dell’Istituto, per poi essere proibito dal nuovo direttore. Nonostante le avversità iniziali, il metodo ti lettura creato da Braille si impose nei decenni successivi, specialmente dopo la morte del suo ideatore.

Il metodo Braille era costituito da un codice di punti in rilievo (più semplici da identificare rispetto alla silhouette di una lettera), disposti sul foglio in combinazioni simili a quelle del domino. Ogni insieme di punti corrispondeva a una specifica lettera o a numeri, segni di interpunzione o parole molto comuni come le congiunzioni e gli articoli.
Utilizzata ancora oggi con alcune variazioni, la scrittura Braille si legge facendo scorrere la punta di uno o due dita sul testo in rilievo. La combinazione dei punti fornisce le parole, generalmente costituite da una radice variabile e da prefissi e suffissi comuni come “pre-“. “in-“, “-zione”, “-mento”. I caratteri Braille possono essere “scritti a mano” utilizzando uno stilo per imprimere sui fogli i punti destinati a formare i caratteri. La scrittura avviene in maniera speculare sul retro del foglio, muovendosi dunque da destra a sinistra.

Prove sensoriali sulle prime bozze del libroParticolari stampanti, anche per uso domestico, sono oggi in grado di produrre versioni di testo in Braille, anche fronte/retro. Le principali opere letterarie sono quasi sempre tradotte anche in Braille, così da non escludere i non vedenti dalla bellezza della parola scritta. Recentemente l’ente spaziale NASA si è spinto ancora oltre, producendo il meraviglioso volume “Touch the invisible sky”. Un’opera unica nel suo genere, che consentirà ai ciechi di vedere le magnifiche forme e i colori del Cosmo.

Puoi lasciare un commento, oppure un trackback dal tuo sito web.
ADS

5 commenti a “Come impara un cieco a leggere e a scrivere?”

  1. Pierbacco dice:

    5 febbraio 2008 ore 18:47

    Non pensavo che il sistema fosse stato inventato da un non vedente. Trovo eccezionali i pannelli in rilievo che riproducono cattedrali e altri monumenti con le didascalie in Braille per chi vede con le dita.
    Pierbacco

  2. Elena dice:

    10 febbraio 2008 ore 08:49

    Ma che bello questo tuo blog.
    Aggiunto su bloglines!

  3. Alessandro(Rouge73) dice:

    10 febbraio 2008 ore 21:35

    Ciao,
    scusa se ti scrivo nello spazio dei commenti di questo articolo,volevo farti i complimenti per il blog e per dirti che l’ho aggiunto hai link del mio sito.
    Ciao Alessandro.

  4. bourbaki dice:

    10 febbraio 2008 ore 23:30

    prima era bello, adesso è molto, molto di più. definitely!

  5. dofolinamiziiana dice:

    18 febbraio 2013 ore 17:47

    penso che questo sia un sito magnifico tanto quanto interessante … da giorni cercavo una relazione sulla scrittura Braille ed ora l’ ho trovata finalmente !!!

Lascia un commento