Il mostruoso ragno dei cammelli

giovedì, 11 ottobre, 2007 11:31

Appartenente all’ordine dei Solifugae, il “ragno dei cammelli” appartiene alla classe degli aracnidi ed è un parente prossimo delle migliaia di ragni appartenenti all’0rdine delle Araneae.
Questi inquietanti “cugini” dei ragni prediligono aree climatiche molto calde e secche e popolano buona parte dei deserti orientali ed occidentali. Riconoscibili dalle loro possenti mandibole, i “ragni dei cammelli” sono dotati di due lunghi pedipalpi (collocati in prossimità del loro organo buccale) che svolgono una funzione sensoria analoga alle antenne degli insetti.
Ghiotti di termiti e coleotteri, i “ragni dei cammelli” sono molto abili nella caccia, tanto da essere in grado di paralizzare prede molto succulente e più grandi di loro come alcune specie di rettili.

Alcuni soldati statunitensi “a tu per tu” con i ragni dei cammelliI “ragni dei cammelli” sono diventati un vero incubo per i soldati statunitensi in missione in Iraq. Eppure, nonostante il loro aspetto poco rassicurante, questi parenti dei ragni sono totalmente innocui per l’uomo. Come la maggior parte degli aracnidi, allo scontro diretto prediligono di gran lunga la fuga…

Puoi lasciare un commento, oppure un trackback dal tuo sito web.
ADS

9 commenti a “Il mostruoso ragno dei cammelli”

  1. Zarathos dice:

    11 ottobre 2007 ore 13:28

    E’ assolutamente bellissimo!

  2. vittoriotdg0 dice:

    11 ottobre 2007 ore 14:30

    invece di essere terrorizzati dovrebbero amarli dal momento che li proteggono anche dai rettili e altri vari insetti.

  3. diogene dice:

    11 ottobre 2007 ore 15:50

    sicuramente sono meno brutti dei Bush e meno pericolosi per la popolazione irakena

  4. luigi dice:

    11 ottobre 2007 ore 15:51

    che peccato, speravo fossero velenosi e stessero facendo ghiotte scorpacciate di soldatini bianchi….

  5. Zarathos dice:

    12 ottobre 2007 ore 12:32

    Voi pseudopacifisti siete più prevedibili di Benigni quando fa le battutine sul Berlusca.

  6. Umberto dice:

    21 aprile 2008 ore 02:34

    Attenzione la prima immagine (per intenderci quella con i cheliceri rossi) nn è un vero ragno ma una abile ricostruzione fatta in foam da qualche costruttore di mosche (quelle per la pesca alla mosca) spesso tali “artisti” realizzano queste fantasiose costruzioni in occasione di gare e convention… Ciao

  7. Umberto dice:

    21 aprile 2008 ore 02:36

    Dimenticavo: i ragni nn hanno 10 zampe 😉 e se osservate bene si nota lo spago che contiene il foam. Riciao

  8. anecòico dice:

    21 aprile 2008 ore 12:57

    @ Umberto
    Grazie per la tua segnalazione, ho trovato la fotografia in un portale dedicato a queste simpatiche/inquietanti bestiole. Per precauzione ho sostituito la prima foto.

    Come scrivo nel pezzo, il “Ragno dei cammelli” è in realtà un lontano parente dei ragni, mentre è molto più vicino agli scorpioni. Per questo motivo alcuni particolari anatomici sono differenti dai normali ragni. Le zampe sono quattro per lato, cui si aggiungono due appendici (simili a chele atrofizzate) e le possenti mandibole.

    Grazie ancora e torna a leggermi qualche volta, mi fa sempre piacere avere lettori attenti e competenti! 🙂

  9. gianni dice:

    16 maggio 2010 ore 19:38

    potessi inserire qualche foto si vedrebbe subito che quella in testa è veritiera, mi trovo in afganistan e vi posso assicurare che di tali bestiole ce ne sono a migliaia e in qunto al fatto che siano innocue…be! lasciatevi “baciare” poi ne riparliamo!!!

Lascia un commento