La voce dell’Antartide

martedì, 26 gennaio, 2010 18:11

Cosa sta accadendo in questo momento nelle profondità dell’Oceano Antartico? Per scoprirlo è sufficiente cliccare sul tasto play (il piccolo triangolo) qui sotto e mettersi all’ascolto dell’Antartide.

Audio clip: é necessario Adobe Flash Player (versione 9 o superiore) per riprodurre questa traccia audio. Scarica qui l’ultima versione. Devi inoltre avere attivato il JavaScript nel tuo browser.


I rumori che sentite provengono in diretta da sott’acqua e sono registrati da due idrofoni del PALAOA (PerenniAL Acoustic Observatory in the Antarctic Ocean), una stazione di rilevazione autonoma collocata sulla piattaforma di ghiaccio Ekström e alimentata grazie all’energia del vento e del sole. I dati rilevati dal PALAOA vengono poi inviati alla base tedesca in Antartide Neumayer, che a sua volta invia il segnale a un satellite che provvede a trasmetterlo all’Alfred-Wegener-Institut für Polar- und Meeresforschung in Germania.

La qualità dell’audio non è particolarmente alta poiché la trasmissione serve per ragioni scientifiche e non per il semplice ascolto della voce dell’Antartide. Gli idrofoni captano principalmente i versi degli animali marini e forniscono un audio dal volume particolarmente variabile.

Il PALAOA è già attivo da alcuni anni e le registrazioni finora realizzate, e in corso di realizzazione, consentiranno di analizzare le specie in base alle loro vocalizzazioni, il numero di esemplari presenti nel raggio di azione degli idrofoni e i possibili effetti causati dal passaggio delle imbarcazioni. Cercare le informazioni rilevanti nel continuo flusso acustico non è naturalmente semplice. I ricercatori hanno così realizzato un sistema di analisi in tempo reale dei dati per distinguere soprattutto le vocalizzazioni dei grandi mammiferi marini.

Buon ascolto!

Puoi lasciare un commento, oppure un trackback dal tuo sito web.
ADS

Articoli correlati


1 commento a “La voce dell’Antartide”

  1. Avril dice:

    13 maggio 2011 ore 20:32

    interessante

Lascia un commento