Quando la discriminazione arriva dai tumori

giovedì, 9 luglio, 2009 18:15
Scritto in Ricerca

maniNon è certo una notizia piacevole per parte della popolazione, ma sembra proprio che il cancro faccia favoritismi. Ormai da diversi anni i ricercatori sanno che la razza si rivela essere un fattore importante in tema di sopravvivenza ai tumori. Le donne afroamericane, per esempio, hanno meno probabilità di contrarre il cancro al seno rispetto alle donne bianche, ma tale patologia si rivela per loro mortale in un maggior numero di casi.

Per molto tempo ci si è interrogati se tale differenza risiedesse solamente nelle diverse possibilità di accedere al servizio sanitario statunitense, a controlli regolari e a trattamenti efficaci o se fosse anche implicato un fattore biologico. Ora una nuova ricerca condotta su decine di trial clinici sembra essere giunta a una improtante conclusione: alcuni tipi di cancro come quello al seno, alla prostata e alle ovarie compiono una sorta di discriminazione tra le razze.

L’oncologa Kathy Albain, Loyola University (Chicago – USA), ha condotto il proprio studio realizzando una ricerca molto ampia sui trial clinici realizzati dal Southwest Oncology Group (SWOG), un insieme di cooperative che forniscono i medesimi standard di cura in tutti gli Stati Uniti per studiare le forme tumorali. Insieme ai suoi colleghi, Albain ha così analizzato 35 specifici trial clinici realizzati tra il 1974 e il 2001 su circa 20mila pazienti adulti. I test eseguiti dal SWOG erano stati realizzati per studiare il cancro al seno, ai polmoni, al colon, alle ovaie, alla prostata, e alcune tipologie di mieloma, linfoma e leucemia. I ricercatori hanno poi preso in considerazione tutti gli afroamericani presenti nel campione dei 20mila pazienti e li hanno suddivisi prendendo in considerazione alcuni fattori specifici come area di residenza, status economico, peso…

Nella maggior parte dei casi, i tumori hanno avuto il loro normale decorso senza particolari differenze nei fattori di sopravvivenza tra bianchi e afroamericani. Ma per tre tipologie di cancro (alla prostata, alle ovaie e al seno) si sono invece registrare differenze non trascurabili.

Nei casi di cancro al seno nelle donne ormai prossime alla menopausa, le probabilità di sopravvivenza per un periodo di 10 anni si sono rivelate pari al 68% nelle donne afroamericane a fronte del 77% delle pazienti di razza caucasica. Per il cancro alle ovaie in stadio avanzato, l’aspettativa di vita si è rivelata di 1,3 anni per le donne afroamericane a fronte dei 2,3 anni per il resto del campione analizzato. Meno marcato il delta per il cancro alla prostata: 2,2 anni per gli afroamericani contro i 2,7 per gli altri individui analizzati durante i trial.

I risultati dell’importante ricerca sono stati da poco pubblicati sulla rivista scientifica Journal of the National Cancer Institute e dimostrano come nella maggior parte dei casi le differenze di razza non portino a particolari difformità nelle possibilità di sopravvivenza a un cancro. Secondo Albain, le differenze rilevate per i tumori al seno, alle ovaie e alla prostata sarebbero principalmente dovute a una combinazione di diversi fattori biologici, tra i quali spiccano le risposte ormonali dei pazienti, la reazione ai farmaci a causa del differente patrimonio genetico e altre reazioni metaboliche.

La ricerca di Kathy Albain è stata accolta al momento con molta cautela dalla comunità scientifica. La corretteza dei dati forniti dall’oncologa non è in discussione, ma in molti temono che i fattori presi in considerazione non siano sufficienti per dimostrare con certezza la presenza di differenze così marcate legate alla razza. Comprendere meglio la relazione tra differenze razziali e reazioni ai tumori potrebbe portare all’elaborazione di procedure cliniche diversificate, tali da poter garantire migliori esiti di cura. Il tema è però delicato e non poco controverso.

Puoi lasciare un commento, oppure un trackback dal tuo sito web.
ADS

2 commenti a “Quando la discriminazione arriva dai tumori”

  1. bourbaki dice:

    9 luglio 2009 ore 22:03

    neanche troppo stranamente si tratta di tumori genere-specifici.
    in realtà è nota da tempo un’associazione tra etnia e mortalità in soggetti con questo tipo di tumore. ma la differenza di mortalità tra bianchi e neri nel tumore al seno risale agli anni ’80, mentre negli anni ’70 era simile.

    mettendo insieme lo studio della albain insieme a quelli di altri, quel che sembra venire fuori è che esistono multipli tipi di questi tumori e che una proporzione (prevalenza) maggiore di soggetti neri ha un esito peggiore. Le differenze razziali associate all’esito di questi tipi di tumore probabilmente sono dovute a differenze biologiche legate a fattori socio-economici e culturali.
    Il concetto di razza o etnia non ha una definizione scientifica, ma è un surrogato dell’area di origine, dello status socio-economico, di aspetti culturali: fattori che sono correlati al rischio di sviluppare malattie.

    la Albain, per esempio. ha tenuto conto dello status socioeconomico utilizzando l’analogo dei nostri CAP, cosa che non permette di considerare che ci possono essere delle variazioni nel corso del tempo (un’infanzia o un’adolescenza povera possono influenzare la biologia dei tumori in età avanzata) e, per il tipo dei dati che aveva, non ha potuto tenere conto delle differenze tra etnie nel BMI (l’indicatore di obesità). Tra parentesi, negli ultimi 30 anni la proporzione di donne americane nere obese è raddoppiata e un alto BMI è stato associato ad un rischio maggiore di tumore alle ovaie.

  2. anecòico dice:

    10 luglio 2009 ore 00:30

    Vero, i fattori in gioco possono essere molteplici. Nello studio si fa anche riferimento ad altri importanti elementi come il diabete, aumentato sensibilmente nella popolazione nera degli Stati Uniti.

    Grazie per la tua integrazione, sempre precisa e puntuale, caro Bour 🙂

Lascia un commento