Scoperti nuovi antenati del genere umano

giovedì, 20 settembre, 2007 16:25

Lordkipanidze mostra uno dei fossili appartenenti alla sua inestimabile scoperta [credit: Nature]Dopo numerosi anni di ricerca, un gruppo di antropologi ha scoperto i più antichi resti umani fino ad ora conosciuti al di fuori dell’Africa, il continente in cui iniziò l’evoluzione del genere umano.
I ricercatori del Georgian National Museum di Tbilisi hanno ritrovato una quarantina di ossa fossili appartenute a quattro ominidi della specie Homo erectus e ritrovate nell’enorme scavo di Dmanisi in Georgia (Asia centrale).

Le più recenti teorie antropologiche ipotizzano che l’Homo erectus sia emigrato dall’Africa alle floride terre Asiatiche circa due milioni di anni fa. La posizione geografica del sito di Dmanisi è compatibile con questa teoria, che disegna il percorso migratorio dall’Africa all’Asia fino alla remota Indonesia.
Il preziosissimo ritrovamento, è molto raro ritrovare così tante ossa fossili in un unico sito, potrà aiutare gli antropologi nella difficile ricostruzione dei primi spostamenti dei nostri antichi antenati. Le prime analisi sui fossili confermerebbero una datazione poco inferiore ai due milioni di anni fa, gli ominidi ritrovati a Dmanisi apparterrebbero quindi alle prime generazioni che dall’Africa migrarono verso l’Asia.

Principali stadi dell’evoluzione umana“Dmanisi è un vero è proprio regalo, è l’unico sito in grado di testimoniare ciò che accadde così tanti milioni di anni fa” ha dichiarato David Lordkipanidze, uno dei responsabili della ricerca pubblicata sulla prestigiosa rivista scientifica Nature.
L’entusiasmo di Lordkipanidze è più che giustificato. Aver ritrovato quattro ominidi (tre adulti e un adolescente) significa poter ricostruire con maggior precisione le fattezze di quei nostri lontani antenati in piena evoluzione verso una specie più “complessa”.

Come in un enorme puzzle, ora i ricercatori cercheranno di capire se i tre crani ritrovati precedentemente nel medesimo sito siano compatibili con i resti fossili dei tre esemplari adulti di Homo erectus.

Dalle dimensioni delle spalle, delle braccia, della colonna vertebrale e delle gambe, i paleontologi guidati da Lordkipanidze sono giunti alla conclusione che gli ominidi ritrovati fossero molto piccoli, 50 kg di peso per un’altezza non superiore al metro e mezzo, ma già incredibilmente proporzionati rispetto ai “canoni” dell’uomo moderno.
Nonostante l’incredibile e inestimabile scoperta, è ancora presto per scrivere la parola “fine” nella lunga indagine sulle nostre origini. Come in un enorme puzzle, quelli scoperti da Lordkipanidze sono ottimi tasselli per comporre una verità sulla nostra evoluzione ancora da scoprire. Ma intanto c’è chi scommette che le sorprese offerte dal ricco sito di Dmanisi non siano ancora finite…

[fonte Nature]

Puoi lasciare un commento, oppure un trackback dal tuo sito web.
ADS

6 commenti a “Scoperti nuovi antenati del genere umano”

  1. Pierbacco dice:

    20 settembre 2007 ore 18:55

    Complimenti per le informazioni corrette, approfondide e offerte con uno stile divulgativo accattivante.
    Pierbacco

  2. sannita dice:

    21 settembre 2007 ore 09:48

    La notizia, se vera, è molto interessante. La forma espositiva, seppur sullodata in commento “Pierbacco”, lascia alquanto …. a desiderare! Absit iniura verbit! Saluti, cpz. sannita.

  3. sannita dice:

    21 settembre 2007 ore 09:50

    Pardon “absit iniuria verbis”. (Colpa del correttore del pc). cpz.

  4. tiziana dice:

    21 settembre 2007 ore 10:39

    non sono per niente d’accordo con sannita, il testo è chiarissimo e di facile lettura… è inutile tirarsela con frasi latine e compagnia bella, saper parlare in maniera semplice e divulgativa di questioni complesse è una dote rara e si ritrova totalmente in questo blog.
    Quindi complimenti a chi ha scritto l’articolo, che stamperò e porterò in classe per leggerlo con i miei studenti.

    tiziana

  5. anecòico dice:

    21 settembre 2007 ore 14:13

    @ Pierbacco & Tiziana
    Grazie, troppo buoni! 😉

    @ Sannita
    La notizia è vera, ed è certificata da una delle più importanti riviste scientifiche del mondo. Sulla considerazione a riguardo del mio stile divulgativo dirò solo che: “non tutti i gusti sono alla menta”. Non è una frase latina… ma almeno la possono capire tutti.

  6. marcello dice:

    21 settembre 2007 ore 14:17

    bravo anecoico!
    articolo davvero interessante e scritto magistralmente, tornerò a trovarti!

    marcello

    ps: sannita, non capisci NIENTE!

Lascia un commento