Sviluppato il raggio laser più intenso del mondo

mercoledì, 20 febbraio, 2008 15:44

Oltre a essere il nome di un eroe mitologico, Hercules è anche un innovativo e potente raggio laser sviluppato da alcuni ricercatori della University of Michigan (USA). Grazie a una particolare tecnologia, il team di ricerca è infatti riuscito a produrre un raggio laser con un altissimo grado di intensità, mai raggiunto prima.

Hercules, il laser più intenso mai realizzato fino ad ora [credit: Anatoly Maksimchuk/EECS]L’intensità di un raggio laser è data dalla quantità di energia che esso è in grado di veicolare in una certa unità di tempo in una determinata area. Il raggio dei record, progettato alla University of Michigan, sfrutta una quantità molto bassa di energia (circa 20 joule, un confetto TicTac è 400 volte più energetico) obbligata a passare in un microscopico foro di 1,3 micrometri di diametro, cento volte più sottile di un capello umano, per appena 30 femtosecondi (10-15 secondi, ovvero un milionesimo di miliardesimo di secondi).
Da ciò ne deriva che l’intensità complessiva del raggio laser è pari a 2×1022 watt per centimetro quadrato: il doppio rispetto al massimo grado di intensità raggiunto prima.

Rappresentazione schematica di un atomoIl raggio laser potrebbe presto aprire la strada a nuove ricerche sulla materia. Non ha dubbi in proposito Karl Krushelnick, uno dei membri del team di ricerca: «Una luce laser così intensa costituisce un territorio ancora da esplorare. Gli elettroni appartenenti a qualsiasi materiale colpiti dal raggio subiscono un’accelerazione fino a un punto molto vicino a quello della velocità della luce, trasportando questi elettroni fuori dal mondo “tradizionale” per portarli negli ambiti relativistici e quantistici. Teoricamente, si potrebbero far viaggiare gli elettroni così velocemente da aumentarne la massa. Ma per ora, le implementazioni del raggio ad alta intensità Hercules saranno probabilmente utilizzate per migliorare le tecnologie per i laser già esistenti».

Hercules potrebbe riservare inaspettate sorprese anche nell’ambito della ricerca per la fusione nucleare. Il suo raggio ad alta intensità potrebbe sostituire i laser utilizzati fino a oggi per avviare i processi della fusione degli atomi. Grazie alle sue potenzialità, la scoperta della University of Michigan potrebbe svelare alcuni meccanismi ancora poco noti nella fisica della fusione nucleare.

Puoi lasciare un commento, oppure un trackback dal tuo sito web.
ADS

2 commenti a “Sviluppato il raggio laser più intenso del mondo”

  1. Pierbacco dice:

    20 febbraio 2008 ore 19:04

    Ottimo come sempre, Anecòico. L’aumento della massa per effetto della velocità mi ha riportato, ovviamente, ad Einstein. Perché non scrivi su qualche altro aspetto pratico legato alla teoria della relatività?
    Pierbacco

  2. peppeprof dice:

    16 maggio 2008 ore 23:02

    Con permesso… L’aumento della massa per effetto della velocità non è “teorico”, si ottiene tutti i giorni in qualsiasi acceleratore!

Lascia un commento