Un interruttore per spegnere il cancro

giovedì, 27 settembre, 2007 12:43
Scritto in Ricerca, Salute

Una nuova ricerca ha identificato una minuscola molecola in grado di rendere le cellule tumorali del seno più attive e invasive. Questa molecola potrebbe diventare presto un nuovo bersaglio per la cura del cancro.

Molecola di microRNA [photo credit: Wikipedia]Il microRNA è un polimero organico simile al DNA, ma deputato al controllo dell’attività dei geni nei processi di copia del codice genetico in numerose specie di piante e animali. Da elemento fondamentale per la regolamentazione nei processi di riproduzione cellulare, si suppone che talvolta le molecole di microRNA si tramutino in veri e propri nemici dell’organismo in cui si trovano, causando il cancro.
Nonostante non sia ancora completamente chiaro come ciò possa avvenire, recenti studi hanno evidenziato come molti microRNA si sviluppino nelle aree del genoma umano (il nostro patrimonio genetico) che determinano la predisposizione ad alcune tipologie di cancro.

Celulla cancerogena al microscopio elettronicoGuidato dal prof. Robert Weinberg, un gruppo di ricercatori del Whitehead Institute for Biomedical Research (Cambridge, Massachusetts – USA) ha indagato il ruolo del microRNA nella diffusione (metastasi) delle cellule tumorali del cancro al seno.
I ricercatori hanno così identificato un particolare tipo di microRNA, chiamato miR-10b, molto presente e attivo nelle cellule tumorali più aggressive. Bloccando l’azione del miR-10b, il gruppo di ricerca è riuscito nella complicata impresa di diminuire fino a 10 volte l’aggressività di queste cellule tumorali.
Per confermare la loro scoperta, i ricercatori hanno poi introdotto le molecole di miR-10b in alcune cellule “non invasive” del tumore al seno che, in brevissimo tempo, sono diventate altamente aggressive e in grado di produrre estese metastasi.

Pubblicata sulla rivista scientifica Nature, la ricerca condotta da Weinberg e il suo team potrebbe portare a una nuova terapia per la cura del cancro al seno.
Impegnato ad approfondire i legami tra miR-10b e alcuni geni responsabili della moltiplicazione cellulare, Robert Weinberg invita però a non lasciarsi prendere dai facili entusiasmi ricordando che “Non abbiamo ancora una conferma definitiva che intervenendo su miR-10b sia possibile invertire i processi di metastasi.”
Lo studio portato a termine dal team del Whitehead Institute for Biomedical Research ha suscitato grande interesse tra genetisti e oncologi, sempre più convinti che la strada per sconfiggere il cancro passi dalla doppia elica del DNA.

Puoi lasciare un commento, oppure un trackback dal tuo sito web.
ADS

1 commento a “Un interruttore per spegnere il cancro”

  1. Comicomix dice:

    27 settembre 2007 ore 13:15

    Forza, ricerca!

    Un sorriso di speranza
    Mister X di Comicomix

Lascia un commento