Dovremo dire presto addio ai ghiacci del Polo Nord?

venerdì, 27 giugno, 2008 17:28
Scritto in Pianeta

Non giungono buone notizie dalle gelide lande del Polo Nord. Secondo le ultime rilevazioni effettuate dai ricercatori, per la prima volta le acque del punto più settentrionale del Pianeta potrebbero essere in parte liberate dai ghiacci già nel corso di questa estate.

A rivelarlo è David Barber (University of Manitoba), che ai divulgatori del National Geographic ha fornito le prime informazioni sui dati raccolti a bordo della nave rompighiaccio canadese Amundsen. I primi rilievi ottenuti sul campo e le immagini ad alta risoluzione scattate via satellite mostrano come l’ammontare dei ghiacci perenni sia ulteriormente diminuito, lasciando il posto ai ghiacci stagionali più sottili ed estremamente esposti al disgelo estivo.
«Direi che il ghiaccio intorno al Polo Nord sia ormai vicino allo scioglimento, ed è molto probabile che il Polo sia libero dai ghiacci» ha dichiarato uno dei climatologi del Colorado Center for Astrodynamics Research (University of Colorado).

L’accelerazione subita nel disgelo e la costante diminuzione dei ghiacci sembra confermare i più recenti modelli matematici, che ipotizzano una progressiva emersione delle acque dai ghiacci a partire dal 2013 (per il giornale britannico The Independent l’attuale situazione sarebbe molto più critica del previsto). Ma il fenomeno sarebbe ormai già iniziato. La zona del Polo Nord è un’area particolarmente importante per testare gli effetti del cambiamento climatico mondiale. Sorvegliata attentamente dai ricercatori, potrebbe mostrare i primi drammatici effetti del surriscaldamento globale ormai a breve termine, lanciando un forte campanello d’allarme sui destini del Pianeta azzurro.

Stando ai modelli matematici, la temperatura della regione polare potrebbe aumentare tre volte più rapidamente rispetto al resto del globo. Tale effetto sarebbe causato dalla minore rifrazione da parte dei ghiacci che, assottigliati dal disgelo, consentirebbero ai raggi solari di raggiungere l’acqua presente al di sotto dei banchi di ghiaccio riscaldandola rapidamente. L’aumento di temperatura delle acque causerebbe poi, a sua volta, un’accelerazione del disgelo aumentando il depauperamento dei ghiacci polari.
Barber sembra non avere dubbi in proposito: «Abbiamo perso circa il 65% della copertura di ghiaccio nell’emisfero boreale in un solo anno. Un’enorme diminuzione. Non pensavamo nemmeno che fosse possibile per l’intero sistema perdere così tanto ghiaccio in un colpo solo».

Nonostante l’ultimo gelido inverno polare, l’area del Polo Nord sembra essere destinata a perdere buona parte dei ghiacci accumulati nel corso dei prossimi mesi. Il clima in quella zona è comunque soggetto a variazioni estreme e i climatologi non possono prevedere con precisione le dinamiche per l’estate da poco cominciata. La tendenza sembra comunque essere segnata e per molti si tratta semplicemente di una questione di tempo. In pochi decenni i ghiacci potrebbero scomparire dal Polo Nord, con effetti imprevedibili sull’equilibrio del clima nel Pianeta. E intanto, paradossalmente, ci si continua a preoccupare solamente del prezzo del petrolio…

Puoi lasciare un commento, oppure un trackback dal tuo sito web.
ADS

2 commenti a “Dovremo dire presto addio ai ghiacci del Polo Nord?”

  1. Pierbacco dice:

    28 giugno 2008 ore 12:27

    Questo articolo fa profondamente riflettere sul futuro dell’umanità. Ne potrebbe seguire un altro sugli effetti che il disgelo del polo avrà sulla climatologia in riferimento alla corrente del golfo. Complimenti per l’articolo, molto chiaro ed esaustivo.
    Pierbacco

  2. spillo dice:

    2 luglio 2008 ore 02:23

    il mio secondo commento… 😉

    visto che sembri così preparato, mi piacerebbe che un giorno affrontassi il tema del nucleare e delle energie fotovoltaica, idroelettrica, geotermica ed eolica, le cosiddette “alternative”…

    spero tu possa farlo, complimenti intanto per l’articolo che ho letto con molto piacere notando come sempre la tua intensa capacità di scrittura…

    🙂

Lascia un commento