Sotto i ghiacci di Titano si nasconde la vita?

venerdì, 21 marzo, 2008 18:32
Scritto in Cosmo

Cosa si cela sotto ai ghiacci di Titano [credit: NASA.gov]In tutto il nostro sistema solare, solo sulla Terra l’acqua fluisce sulla superficie con i suoi laghi, fiumi e mari. Eppure, tre grandi lune di Giove annoverano dei veri e propri oceani nascosti sotto una coriacea coltre di ghiaccio, una sorta di enorme capsula spessa alcuni chilometri. Recenti ricerche hanno consentito di osservare un fenomeno simile a quello delle lune gioviane anche su Titano, uno dei satelliti naturali di Saturno. Secondo gli astronomi, la presenza di acqua allo stato liquido potrebbe portare alla scoperta di primordiali forme di vita.

La presenza di questi enormi oceani non è certo una sorpresa per gli astronomi, che da tempo consideravano la possibilità che alcuni corpi celesti celassero sotto le calotte di ghiaccio, spesse alcune decine di chilometri, grandi quantità di acqua allo stato liquido. Nel caso di Titano, la scoperta è stata resa possibile dal lavoro di ricerca di Ralph Lorenz (Johns Hopkins University, Maryland – USA) svolto sulla base dei dati forniti dalla sonda spaziale Cassini.
Lorenz e il suo team, hanno cercato di capire se la velocità di rotazione di Titano fosse cambiata negli ultimi tempi. Per fare ciò, i ricercatori sono partiti da alcuni modelli matematici per prevedere il comportamento del satellite nell’ipotesi in cui l’enorme placca di ghiaccio che lo sormonta fosse in grado di scivolare sulle sue acque interne. In questo caso, infatti, la superficie ghiacciata avrebbe potuto influenzare notevolmente la velocità di rotazione di Titano.

Coltre di ghiaccio su TitanoOsservando le immagini e i dati forniti da Cassini tra un passaggio e l’altro, i ricercatori hanno così scoperto come la placca di ghiaccio presente sul satellite avesse compiuto 30km di rotazione in più rispetto a quanto era stato previsto dai modelli matematici nel caso di un tempo di rotazione costante. Ciò dimostra che la porzione esterna di ghiaccio di Titano slitta realmente su una superficie liquida, ovvero un enorme oceano interno.

Pubblicata sull’odierno numero della rivista scientifica Science, la scoperta ha destato scalpore tra gli astrofisici. La presenza di grandi quantità di acqua allo stato liquido è una delle principali condizioni per lo sviluppo di forme, anche primordiali, di vita. Gli eventuali inquilini di Titano non potrebbero comunque palesarsi alle ottiche di sonde e telescopi: lo spessore della placca di ghiaccio che ricopre parte del satellite supera abbondantemente i 70 Km di profondità, un diaframma impenetrabile.
Le acque nascoste dai ghiacci potrebbero inoltre celare pochi nutrienti, o essere frammiste ad altri elementi chimici che impediscono il formarsi di forme anche estremamente elementari di vita. Lo scrigno di ghiaccio di Titano potrebbe dunque preservare acqua e nulla più, oppure un incredibile segreto…

Puoi lasciare un commento, oppure un trackback dal tuo sito web.
ADS

1 commento a “Sotto i ghiacci di Titano si nasconde la vita?”

  1. Sergio Scalet dice:

    23 marzo 2008 ore 15:35

    Sapere per certo che ci sono altre forme di vita nel sistema solare, anche se primordiali, mi allevia un po’ il dispiacere dell’estinzione qui sulla Terra.

Lascia un commento