Maratona migratoria

Limosa lapponicaImmaginate di mettervi a correre e, come nella stralunata avventura di Forrest Gump, non fermarvi più per almeno una settimana. La limosa lapponica, un uccello acquatico appartenente alla famiglia dei gabbiani, ha recentemente sorpreso un gruppo di ricercatori compiendo una sorprendente migrazione dall’Alaska alla Nuova Zelanda in un unico interminabile viaggio.

La migrazione della Limosa Lapponica prevede un tragitto di 11.500 kmGrazie ad alcuni rilevatori satellitari posizionati su sedici esemplari di limosa lapponica, un team di ricercatori della Massey University (Nuova Zelanda) ha potuto tracciare la più lunga migrazione “non-stop” mai registrata nella storia.
I sistemi di posizionamento satellitare, applicati agli esemplari campione, hanno inoltre messo in evidenza la durissima rotta seguita da questi uccelli acquatici. A differenza di quanto si era da sempre immaginato, gli stormi di limosa lapponica non seguono le coste dell’Asia orientale per avere sempre a disposizione della terraferma. Prediligono, invece, una rotta diretta dall’Alaska alla Nuova Zelanda, attraversando praticamente in linea retta l’intero Oceano Pacifico.

Sono circa 70.000 gli esemplari di limosa lapponica che ogni anno affrontano il viaggio di andata tra la Nuova Zelanda e l’Alaska in marzo, e in direzione contraria in settembre.
Grazie ai venti favorevoli, uno degli uccelli acquatici dotato di rilevatore satellitare (E7), ha effettuato l’intero viaggio di 11.500 km in un’unica soluzione, volando ininterrottamente per nove lunghissimi giorni. “È qualcosa di incredibile” ha confidato Rob Schuckard, uno dei ricercatori, al National Geographic, aggiungendo: “Sarebbe come se un essere umano corresse per un’intera settimana a una media oraria di 70 chilometri all’ora!”.
La maratona di E7 si è svolta alla velocità media di 57 km orari a una quota compresa tra tremila e quattromila metri. Durante i nove giorni di volo questo esemplare ha perso oltre la metà dei grassi accumulati in Alaska, volando senza sosta anche nelle complesse fasi di “sonno” che coinvolgevano a turni le due metà del suo encefalo.

Limosa lapponicaNonostante la loro incredibile resistenza fisica, gli esemplari di limosa lapponica stanno rischiando una rapida estinzione. La popolazione di 150.000 individui censita nei primi anni Novanta, si è dimezzata nell’ultimo decennio portandosi – secondo le ultime rilevazioni – a 70.000 esemplari. Questo calo vertiginoso è principalmente dovuto all’intensificarsi delle attività umane nell’immensa area del Pacifico, l’habitat in cui questi simpatici uccelli acquatici vivono da sempre.
La limosa lapponica è da diversi anni al centro di numerosi studi, le sue capacità di orientamento e di metabolismo delle riserve energetiche e le sue tecniche di riposo “selettivo” dell’encefalo devono essere ancora indagate e approfondite. Dal loro studio potremmo capire qualcosa di più su un altro bipede privo di ali che non depone uova, l’uomo.

3 risposte a “Maratona migratoria”

  1. certo che potrai, Carmela!
    Ciò che scrivo è a disposizione di tutti, anche di chi non può leggermi direttamente sullo schermo! Stampa tutto ciò che vuoi 😉

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.